Questo povero grida e il Signore lo ascolta

MILANO Una fede matura non può prescindere dalla carità: ce lo ricorda anche Papa Francesco nel suo messaggio per la II Giornata Mondiale dei Poveri: “I poveri sono i primi abilitati a riconoscere la presenza di Dio e a dare testimonianza della sua vicinanza nella loro vita. Dio rimane fedele alla sua promessa, e anche nel buio della notte non fa mancare il calore del suo amore e della sua consolazione. Tuttavia, per superare l’opprimente condizione di povertà, è necessario che essi percepiscano la presenza dei fratelli e delle sorelle che si preoccupano di loro e che, aprendo la porta del cuore e della vita, li fanno sentire amici e famigliari”.

Ecco perché anche quest’anno nel tempo di Natale il Servizio per i Giovani e l’Università invita i giovani di età compresa tra i 18 e i 30 anni a condividere il tempo della festa con le persone che si trovano ai margini della società: nella memoria del suo farsi carne per noi, desideriamo che i giovani tocchino la carne di Gesù nel corpo delle persone più povere.
Tra il 23 dicembre 2018 e il 6 gennaio 2019, i giovani potranno condividere un momento della giornata con i più poveri, incontrandoli nel servizio presso alcune strutture che operano quotidianamente contro la povertà e l’emarginazione.

Seguendo il link trovate le strutture presso le quali si potrà prestare il servizio di volontariato.